Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Skip to main content

Cerca

Una passione riscoperta

Una passione riscoperta
Dennis Frohlich, Wave

Janssen è orgogliosa di ospitare le opere realizzate da persone affette da malattie e patologie che ci impegnamo a curare e prevenire. Visita la nostra galleria d’arte per scoprire ulteriori informazioni sugli artisti e guardare altre opere.

Osservando Dennis Frohlich, professore assistente di comunicazioni di massa presso la Bloomsburg University di Bloomsburg, Pennsylvania, mentre cammina nel rigoglioso giardino del campus per raggiungere l’aula, non sospetteresti mai del suo dolore interno.

Dennis soffre di colite ulcerosa, che fa parte di un gruppo di disturbi chiamati malattie infiammatorie intestinali (IBD). Si tratta di una condizione con cui deve convivere e combattere dal 2007, quando era alla fine del suo terzo anno alla North Dakota State University.

“Ho iniziato ad avere male allo stomaco e diarrea, talvolta accompagnati da sangue nelle feci, e superarli ogni giorno era una sfida”, spiega. “Non avevo molto controllo dei movimenti intestinali e avevo paura che mi capitasse qualcosa. Era come se fossi tornato ad essere un bambino.”

Una serie di esami, fra cui colonoscopia, radiografie ed esami del sangue, ha portato ad una diagnosi del tutto inattesa.

Nonostante le complicanze e i ricoveri nel corso dell’anno successivo, Dennis ha conseguito la sua laurea in giornalismo entro i tempi previsti. Tuttavia, senza alcun’altra soluzione a lungo termine per il suo dolore, ha accettato di farsi togliere il colon con tre interventi chirurgici, il che significava vivere con una stomia, un’apertura creata chirurgicamente nel corpo per scaricare i rifiuti dell’organismo, per più di sei mesi.

Durante la convalescenza, Dennis si è inserito nel mondo dei social media. Ha postato video sulla sua esperienza e ha chattato online con altre persone che convivono con condizioni simili. Grazie all’incoraggiamento di un ex-professore, ha conseguito un master in comunicazione sulla salute. Questa esperienza gli è piaciuta molto, quindi ha conseguito il dottorato nello stesso campo per avere un coinvolgimento maggiore nell’insegnamento e nella ricerca.

Il suo lungo ricovero gli ha dato anche il tempo di risvegliare la sua passione latente per la pittura, una passione creativa che aveva iniziato quando frequentava la scuola superiore.

“Ho ripresto fuori le mie vecchie tempere e pennelli, e ho iniziato a mettere i colori sulla tela”, dice Dennis. “Le idee prendevano forma. Dopo aver superato quegli interventi, ho avuto più tempo ed energia perché la mia salute stava migliorando e ho iniziato a dipingere di più e a postare il mio lavoro online. La pittura mi ha aiutato a reagire alla vera distruzione fisica e personale con cui convivevo ogni giorno.”

Dennis preferisce ancora le tempere acriliche che si asciugano rapidamente. “Posso dipingere qualcosa, attendere un po’, poi aggiungere qualcos’altro”, dice. “Vado avanti e indietro e finisco un quadro velocemente. È liberatorio avere quel controllo totale.”

E, dal momento che non ha un atelier dedicato, a Dennis piace anche poter finire un quadro anche in un paio di settimane. In questo modo, i suoi materiali non occupano troppo spazio nel suo appartamento.

Visto che la malattia infiammatoria intestinale ha attaccato il suo corpo e la sua vita,
Dennis ha trovato il senso e l’ispirazione nella sua arte.

Riscoprire questa passione ha aiutato Dennis a vedere oltre le sue difficoltà di tutti i giorni per trovare cosa conta davvero nella vita.

“Prima della mia malattia, avrei dipinto la tela con un colorato cielo sullo sfondo, lasciando in primo piano dei profili neri”, dice Dennis. “Ma adesso, le cose terrene stanno prendendo varie sfumature. Ecco dove vedo la mia pittura e me stesso in evoluzione: con speranza e ottimismo.”

Dennis si diverte anche con gli origami, l’arte giapponese di piegare la carta in forme e figure decorative.

“Ho iniziato a fare l’origami alla scuola superiore, più o meno nello stesso momento in cui ho iniziato a dipingere”, dice Dennis. “Mi sono divertito a scoprire come un foglio di carta quadrato, che non assomiglia a niente, dopo un paio di pieghe inizia già ad assumere tre dimensioni.”

Oggi, pratica ancora questa difficile arte.

“È molto più limitata della pittura ed è molto più difficile non rispettare le istruzioni o creare qualcosa di mio”, dice Dennis. “Ma, quando imparo cosa può o non può fare la carta, e come le pieghe si dividono matematicamente in pieghe più piccole e così via, inizio a vedere la logica di come si crea l’origami.”

Allo stesso modo, Dennis ora capisce come i suoi problemi di salute lo hanno formato come persona. Anche se la sua malattia ha costituito una parte dolorosa dei suoi anni al college, gli ha consentito di incontrare (e aiutare) molte persone nella stessa condizione e gli ha insegnato persino che poteva persistere.

“Dato che non vivo più quel momento critico, inizio a vedere il valore della mia malattia”, dice Dennis. “Ho visto degli ostacoli e ho capito… li avrei superati. Ho finito la scuola e raggiunto i miei obiettivi professionali. La mia fede cristiana si è rinnovata e questa fede mi ispira. Forse non è successo esattamente quello che volevo, ma la vita è andata avanti e c’erano sempre delle persone pronte ad aiutarmi.”

Ha anche aperto la porta all’esposizione della sua arte in Janssen.

“Janssen mi ha contattato e mi ha chiesto di essere uno dei loro artisti”, ricorda. “Mi ha spiegato come avrebbe usato la mia arte e questo mi ha dato la sicurezza che lo stava facendo per i giusti motivi. Mi aiuta a diffondere il mio messaggio.”

Il lavoro con Janssen è stato una parte di un viaggio che ha definito ulteriormente il modo in cui Dennis vedeva le sue opere. “Per Janssen ho aggiornato un dipinto che avevo già completato, ma la nuova versione è più ottimistica. L’albero che era morto completamente adesso ha dei nastri. Collaborare con Janssen e vedere il suo apprezzamento per l’arte è stato un fantastico processo per me.”

Scopri di più su Dennis e su come le sue attività creative lo abbiano aiutato a sconfiggere la sua IBD e a fare la differenza nella vita degli altri.