Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Skip to main content

Cerca

Iniziativa "New Horizons Advancing Pediatric HIV Care"

Iniziativa "New Horizons Advancing Pediatric HIV Care"

“Nessun bambino dovrebbe morire di malattie connesse all’AIDS.”

Così ha dichiarato l’amministratore esecutivo di UNAIDS Michel Sidibé, nel luglio 2014 durante la sessione di apertura della ventesima International AIDS Conference a Melbourne, in Australia.

Più di tre milioni di bambini di età inferiore ai 15 anni sono affetti da HIV in tutto il mondo e anche adesso, più di 30 anni dopo il primo caso segnalato, l’AIDS attanaglia ancora la vita dei bambini.

La situazione è particolarmente deprimente nell’Africa subsahariana, luogo di nascita di un sorprendente 90% di tutti i bambini malati di HIV. Secondo l’UNAIDS Gap Report, se si utilizzano le limitate risorse della regione per la prevenzione della trasmissione madre-figlio, solo il 24% dei bambini affetti da HIV riceve trattamento, mentre molti altri non risultano adeguati.

Sappiamo che questi ragazzi potrebbero condurre una vita sana, piena e produttiva, se accedessero a cure e trattamenti adeguati. Questo è il motivo per cui siamo orgogliosi di aver stretto una partnership con Elizabeth Glaser Pediatric AIDS Foundation (EGPAF), Supply Chain Management System e MAP International per l’iniziativa New Horizons Advancing Pediatric HIV Care, lanciata nel dicembre 2013.

“Crediamo che tutti i bambini affetti da HIV debbano ricevere i trattamenti o le cure necessarie, ovunque essi vivano”, ha affermato Paul Stoffels, M.D., Direttore scientifico, Johnson & Johnson e Presidente globale, settore Farmaceutica. “Ora è il momento di investire nel settore sanitario per favorire il benessere di questi bambini.”

La nostra missione è concentrare tutti gli sforzi per favorire l’accesso a cure e trattamenti di alta qualità, sostenibili e appropriati per bambini e adolescenti affetti da HIV. L’iniziativa ha due componenti: un programma di donazione di farmaci e attività di collaborazione per il rafforzamento dei sistemi sanitari e la condivisione di conoscenze.

Forniamo i nostri farmaci HIV gratuitamente per i bambini affetti da questa malattia in Kenya, Sudafrica, Swaziland e Zambia, i Paesi iniziali scelti da EGPAF per partecipare al programma di donazione di farmaci. Tutti i bambini registrati possono ricevere farmaci HIV donati da Janssen in base alle necessità, fino al compimento di 19 anni, quando passeranno ai programmi HIV nazionali per adulti o ad altri sistemi specifici nazionali per favorire un trattamento continuativo.

“Speriamo che questa donazione innovativa sia il primo passo verso altre azioni collaborative nell’Africa subsahariana per bambini sottoposti a trattamenti HIV non adeguati”, afferma Perry Mohammed, M.D., direttore Affari medici globali, Salute pubblica globale. “Il nostro obiettivo è consentire a questi bambini di ricevere trattamenti e cure per l’HIV necessari per vivere in modo sano e crescere per diventare adulti produttivi.”

Oltre a soddisfare esigenze umanitarie urgenti di bambini sottoposti a trattamenti non adeguati, New Horizons sta creando un gruppo di Paesi per il programma pediatrico, che condivideranno informazioni, favoriranno conoscenza e accelereranno il rafforzamento del sistema sanitario. L’iniziativa si incentra in particolare sulle problematiche ed esigenze uniche degli adolescenti affetti da HIV.

Tuttavia, i problemi della regione sono complessi e includono l’accesso limitato a un’assistenza di qualità, mancanza di esperienza e formazione dei medici, problematiche legate alla distribuzione e non conformità ai regimi di trattamento. Condizioni di vita di base, come povertà e scarsa qualità dell’acqua, insieme a gravi discrediti associati all’HIV hanno fallito i tentativi di fornire un’assistenza adeguata e hanno portato molti ad abbandonare la cura della malattia.

La necessità di un programma completo è chiara e di vitale importanza. Janssen si impegna per fare la sua parte.

Guarda: New Horizons Advancing Pediatric HIV Treatment.

Salute pubblica globale

Salute pubblica globale

Nelly Velez, The World Among Us
Nelly Velez, The World Among Us