Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Skip to main content

Cerca

Le nostre partnership

Le nostre partnership

Le partnership sono al centro di tutto ciò che facciamo. Oltre alle nostre partnership incentrate sulla ricerca e lo sviluppo (R&D), riconosciamo l’importanza di creare alleanze multisettoriali per soddisfare esigenze sanitarie critiche. Ci impegniamo a lavorare in vari settori con governi, donatori, organizzazioni non governative (ONG), organizzazioni multilaterali e altri stakeholder. Insieme favoriremo approcci innovativi e potenzieremo l’accesso a nuovi farmaci e nuove soluzioni tecnologiche.

Miglioramento dell’accesso ai bambini sieropositivi

Noi di Janssen siamo determinati a fare la nostra parte per aiutare i bambini e i ragazzi che convivono con il virus dell’HIV a crescere e raggiungere l’età adulta. La nostra azienda lavora da sempre per migliorare la vita e il benessere dei bambini che convivono con il virus dell’HIV. I nostri sforzi includono diversi programmi per prevenire l’infezione, sviluppare nuovi farmaci e garantire cure e trattamenti a bambini e adolescenti sieropositivi.

La gestione dell’HIV pediatrico resta una sfida significativa in tutta l’Africa sub-sahariana e altre situazioni in cui le risorse sono limitate. Degli oltre 3 milioni di bambini che convivono con il virus dell’HIV, solo il 23% di essi riceve un trattamento, mentre una percentuale ridotta, ma in crescita, di coloro che ricevono un trattamento in situazioni in cui le risorse sono limitate, non riesce a terminare la terapia di prima linea. La nostra iniziativa di collaborazione (New Horizons Advancing Pediatric HIV Care) mira a migliorare le cure per questi bambini e adolescenti che hanno interrotto un trattamento per l’HIV di prima linea. Questa iniziativa cerca di affrontare tale esigenza non soddisfatta e migliorare l’accesso ai nostri farmaci per l’HIV approvati, includendo formulazioni adatte ai bambini, per pazienti vulnerabili che vivono nei Paesi meno sviluppati.

Collaboriamo con diverse organizzazioni, tra cui Elizabeth Glaser Pediatric AIDS Foundation (EGPAF), Supply Chain Management Systems (SCMS), International AIDS Society (IAS) e MAP International, per massimizzare in maniera completa l’impatto del programma. Nel 2014, i ministri della salute dell’Africa sub-sahariana sono stati invitati a esprimere il loro interesse a partecipare all’iniziativa. Un comitato di revisione indipendente di esperti di livello internazionale nell’HIV pediatrico ha, da allora, valutato attentamente tutte le domande. Finora sono stati ritenuti idonei alla partecipazione quattro Paesi: Kenya, Sudafrica, Swaziland e Zambia. Stiamo lavorando con medici e ministri della salute per fornire ai sistemi sanitari locali risorse, dati e strumenti necessari per la fornitura a lungo termine di farmaci e cure per questi bambini. Per soddisfare su vasta scala le esigenze di bambini con pregressa esperienza terapeutica, abbiamo esteso l’ambito dell’iniziativa ai Paesi oltre l’Africa sub-sahariana.

Ci auguriamo che New Horizons susciti un più ampio impegno di collaborazione per creare consapevolezza, accelerare le operazioni e migliorare le conoscenze relative alle esigenze di bambini e adolescenti che, a livello globale, hanno già interrotto un trattamento per l’HIV.

Supporto alla politica per le malattie tropicali neglette

Janssen è consapevole dell’importanza fondamentale di elaborare una politica sanitaria efficace per promuovere il miglioramento degli esiti sanitari in tutto il mondo. Riconoscendo l’urgente necessità di opzioni di trattamento innovative, in particolare per le malattie neglette, collaboriamo con un gruppo di stakeholder per supportare il Congresso degli Stati Uniti nell’accelerare gli avanzamenti in questo campo.

Nel 2013, Janssen, su invito del Congresso degli Stati Uniti, ha partecipato a un’udienza in presenza della sottocommissione per Africa, Salute globale, Diritti umani globali e Organizzazioni internazionali della Camera dei rappresentanti per sottolineare l’urgenza di un intervento sulle malattie tropicali neglette (neglected tropical diseases, NTD). Questa testimonianza ha aperto la strada a una maggiore collaborazione con la sottocommissione, che ha allargato l’invito a lavorare per identificare e cogliere le opportunità di dimostrare una leadership nell’accelerazione dei progressi di ricerca e sviluppo nel campo delle NTD tramite la legislazione.

Attraverso la nostra coalizione di stakeholder, stiamo lavorando per introdurre una legislazione che sostenga nuove ricerche per la cura delle NTD. Abbiamo formato la Janssen Neglected Disease Task Force, che include i responsabili senior dell’intera azienda, al fine di informare e supportare questa legislazione. Il decreto è il risultato di una serie di incontri tenutisi nel corso di diversi mesi tra i membri della coalizione e lo staff e i leader della sottocommissione.

Tramite una rivisitazione degli attuali modelli di R&D, normativi e di partnership, possiamo promuovere un ambiente che stimoli maggiormente l’innovazione e gli investimenti nello sviluppo di farmaci per le malattie neglette.

Gestione delle malattie

Secondo i dati delle Nazioni Unite, 6 miliardi di persone in tutto il mondo hanno accesso a un telefono cellulare funzionante. Facendo leva sul successo dell’impegno della nostra azienda nell’uso della tecnologia mobile per la salute (mHealth) per raggiungere migliaia di neomamme e mamme in attesa in situazioni con scarse risorse al fine fornire importanti informazioni sanitarie, Janssen si impegna a supportare migliori esiti sanitari grazie a due iniziative incentrate sui pazienti e basate sulle tecnologie mobili. Scopri una storia relativa al progetto UNITE.

Connect for LifeTM è un nuovo programma di collaborazione con lo scopo di supportare i sistemi sanitari delle aree geografiche insufficientemente servite e migliorare gli esiti sanitari nelle popolazioni vulnerabili. Utilizzando un modello incentrato sul paziente che unisce partnership, competenze locali e tecnologia, Connect for LifeTM coinvolge in modo attivo gli operatori dei sistemi sanitari locali allo scopo di consentire e promuovere la ricerca, lo sviluppo di competenze e la gestione clinica, per ottenere un impatto sostenibile sulla salute pubblica in situazioni in cui le risorse sono limitate.

Questi programmi mettono in pratica soluzioni sanitarie complete che aumentano l’efficienza e l’efficacia dell’assistenza e sono integrate nel sistema sanitario locale, basandosi su competenze ed evidenze locali. In stretta collaborazione con più di 20 partner locali e internazionali, questi progetti forniscono servizi a supporto di una gestione longitudinale dei pazienti, counseling, auto-monitoraggio e responsabilità utilizzando dispositivi mobili ampiamente disponibili e altri mezzi digitali.

Il nostro obiettivo è il miglioramento della gestione sanitaria tramite questi progetti e per questo sono state previste sovvenzioni a supporto della ricerca locale.

Salute pubblica globale

Salute pubblica globale

Nelly Velez, The World Among Us
Nelly Velez, The World Among Us