Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Skip to main content

Cerca

Come la nuova eccezionale ricerca sta colpendo il potere del sistema immunitario

Come la nuova eccezionale ricerca sta colpendo il potere del sistema immunitario

Immunologia

Immunologia

Skin cells 20x magnification
Skin cells at 20x magnification

Il vostro sistema immunitario fa molto di più che combattere un semplice raffreddore. Poiché marzo è stato riconosciuto negli Stati Uniti come il mese dedicato ad aumentare la consapevolezza sulle malattie autoimmuni, abbiamo parlato con gli scienziati che si interessano del sistema immunitario, strumento vitale per combattere le malattie in modi che non hai mai immaginato.

Chiunque abbia studiato un po’ di biologia alle scuole superiori, probabilmente ha qualche conoscenza riguardo al sistema immunitario. In termini più semplici, è il sistema di difesa del corpo, che si attiva velocemente ogni volta che si toccano, si mangiano o si respirano batteri, virus o altri microorganismi che causano malattie o che hanno il potenziale di fare ammalare.

A volte fa un ottimo lavoro, respingendo questi microbi prima di ammalarsi effettivamente. In altri casi, continua a lavorare duramente per sterminare gli intrusi che hanno lasciato un forte raffreddore, un virus intestinale o un’altra malattia.

Non c’è dubbio che proteggersi contro le minacce esterne è assolutamente fondamentale. Se il sistema immunitario non è forte, come nel caso di persone con patologie come l’AIDS e sottoposte a chemioterapia, ogni cosa di lieve entità come un comune raffreddore fa andare subito al pronto soccorso.

Ma, a quanto pare, combattere i germi è solo uno dei molti ruoli del sistema immunitario.

Alcune delle sue funzioni sono perfettamente conosciute dai medici e dalle persone affette da malattie autoimmuni, mentre altre sono appena state scoperte dagli scienziati. Diamo uno sguardo a come le ricerche emergenti, che hanno messo in luce ciò che accade quando il sistema immunitario va fuori controllo, hanno il potenziale di trasformare la salute come la conosciamo ora e magari a far emergere idee per cure auspicate a lungo.

In questa immagine del sistema immunitario al lavoro, gli anticorpi attaccano gli antigeni.

Il sistema immunitario agisce in modi (piuttosto) misteriosi

Mentre sei in grado di immaginare abbastanza facilmente alcuni sistemi corporei (il sistema circolatorio, ad esempio, è costituito prevalentemente dal cuore e dai vasi sanguigni), gli elementi del sistema immunitario sono un po’ più difficili da immaginare.

“Puoi pensare al sistema immunitario come ad una collezione di tipi di cellule e di tessuti che lavorano insieme”, dice Murray McKinnon, Ph.D., Vice Presidente e responsabile di immunologia, e responsabile, Janssen Immuno-scienze, Janssen Research & Development, LLC. “Si dividono in due rami: il sistema immunitario congenito, che è sostanzialmente un team di difesa in prima linea che entra in azione molto velocemente in caso di infezioni, e il sistema immunitario adattivo, che crea anticorpi e cellule T specializzate, realizzate per combattere patogeni specifici."

Ad esempio, quando fai il vaccino influenzale può manifestarsi un gonfiore iniziale nel sito di iniezione. Questa è una risposta congenita. Dopodiché il corpo crea anticorpi che attaccano in modo specifico il virus influenzale. Questa, invece, è una risposta adattiva.

Un sistema immunitario debole è ovviamente un problema, ma lo è anche il rovescio della medaglia:
un sistema immunitario che diventa troppo aggressivo.

Un’altra ragione per cui il sistema immunitario è difficile da immaginare: è un’ampia rete di cellule che si estende attraverso tutto il corpo, ovvero nel midollo osseo e nei seni paranasali, nei linfonodi nel collo e nell’inguine, nelle tonsille e nelle adenoidi e anche nel tratto digerente. “Il tratto gastrointestinale è pieno di microbi, inclusi patogeni nonché tipi di batteri benefici”, spiega McKinnon.

Quando tutto funziona a dovere, i germi patogeni vengono sterminati velocemente. Ecco perché non ci si ammala ogni qualvolta si è esposti a qualcosa di potenzialmente pericoloso. E quando accade, il danno è limitato, come nel caso di un raffreddore, che di solito non dura mesi. Tuttavia, quando il sistema immunitario è debole, un banale raffreddore può trasformarsi in polmonite e un piccolo taglio può aprire la strada ad un’infezione potenzialmente mortale.

Ingrandimento di un’infiammazione delle articolazioni causata da artrite reumatoide.

Un sistema immunitario debole è ovviamente un problema, ma lo è anche il rovescio della medaglia: un sistema immunitario che diventa troppo aggressivo.

Quando succede, reazioni infiammatorie che dovrebbero attenuarsi diventano persistenti e causano un danno non necessario, spiega Sue Dillon, Ph.D., Responsabile globale di Immunologia, Janssen Research & Development, LLC. Questa è conosciuta come malattia autoimmune e nelle persone affette da questa patologia, il sistema immunitario ha delle difficoltà anche a identificare il tessuto sano che deve essere lasciato stare, identificandolo per errore come un invasore.

Sue Dillon, Ph.D., Responsabile globale di Immunologia, Janssen Research & Development, LLC.

“Ad esempio, nell’artrite reumatoide (RA), una malattia autoimmune, il sistema immunitario pensa che nel tessuto articolare ci sia qualcosa di estraneo e comincia ad attaccarlo, causando gonfiore, calore e risposte infiammatorie che danneggiano l’osso e la cartilagine, nonché i tessuti circostanti”, dice Dan Baker, M.D., Responsabile dell’area di Artrite reumatoide, Janssen Research & Development, LLC.

Attualmente, la maggior parte dei trattamenti per le malattie autoimmuni sono gli immunosoppressori generici, dice il Dott. Baker. Ciò significa che riducono la risposta immunitaria generale del corpo, quindi, se da un lato alleviano il dolore articolare da RA e inibiscono la distruzione dell’articolazione, dall’altro possono rendere le persone più sensibili alle infezioni.

Ecco perché gli scienziati Janssen lavorano sodo per ricercare un trattamento di nuova generazione per le malattie autoimmuni. In breve, “l’obiettivo è sviluppare trattamenti molto specifici che sopprimano solo la reazione immunitaria anomala”, dice il Dott. Baker.

Messa a punto dell’approccio ai trattamenti per le malattie autoimmuni

Secondo Dillon, un’area chiave a cui si dedica la ricerca Janssen è imparare di più sui meccanismi coinvolti nelle varie malattie autoimmuni, portando potenzialmente a terapie più precise.

“Quello che fanno i trattamenti oggi disponibili sul mercato è trattare i sintomi, controllando l’infiammazione, non le cause alla base di queste malattie. Molte persone affette da malattie autoimmuni non sono in remissione”, spiega Dillon. “È davvero ciò a cui dobbiamo puntare per fare progressi verso una cura. Questa è la nostra vision e la nostra mission."

Parte di questa mission è identificare i disturbi autoimmuni nel loro stadio più precoce, persino prima che qualcuno manifesti dei sintomi. “L’obiettivo è intercettarli e trattare i pazienti prima che la malattia progredisca”, dice il Dott. Baker. “Con l’RA, ad esempio, le articolazioni non guariscono bene. Quindi vorremmo prevenire il danno prima che si manifesti."

A tal fine, Dillon dice che i ricercatori Janssen stanno sviluppando dei test per cercare i biomarcatori nel sangue e aiutare i medici a comprendere quali pazienti hanno un alto rischio di sviluppare una malattia autoimmune, o almeno essere in grado di rilevarla allo stadio precoce. Anziché ricercare semplicemente i fattori di rischio, se va tutto bene, i medici potranno dire con maggiore certezza quante possibilità esistono di contrarre una specifica malattia autoimmune e iniziare il trattamento nello stadio più precoce possibile.

Un’altra promettente area di ricerca sul sistema immunitario si concentra sul collegamento con la salute mentale.

Nel caso della malattia di Alzheimer, ad esempio, “sembra esserci qualche infiammazione, che suggerisce che il sistema immunitario può essere controllato per identificare le placche nel cervello che pensiamo essere la causa della malattia”, spiega il Dott. Baker.

“Ci sono alcuni pazienti con gravi depressioni, che non rispondono agli attuali trattamenti standard. Quindi l’ipotesi è che l’infiammazione può causare
o contribuire alla depressione."

Sue Dillon, Ph.D.

Responsabile globale di Immunologia, Janssen Research & Development, LLC.

Ci sono alcuni pazienti con gravi depressioni, che non rispondono agli attuali trattamenti standard.

Esistono anche delle ricerche che riguardano la depressione. “Ci sono molti dati che mostrano come le citochine [un gruppo di sostanze chimiche del sistema immunitario, che includono gli interferoni] siano maggiori nelle persone affette da grave depressione”, dice il Dott. Baker. “Non sappiamo perché queste citochine sono elevate, ma stiamo studiando per vedere se possiamo capire l’effetto di una terapia sperimentale e il suo potenziale impatto al riguardo."

“Ci sono alcuni pazienti con gravi depressioni, che non rispondono agli attuali trattamenti standard”, spiega Dillon. E insieme a questi pazienti, c’è un sottoinsieme che ha livelli di infiammazione più alti del normale nel flusso sanguigno, in base a quanto misurato grazie ad un biomarcatore chiamato CRP (proteina c-reattiva).

“Quindi, l’ipotesi è che questa infiammazione possa causare o contribuire alla depressione”, dice Dillon. L’anticorpo sperimentale attualmente in fase di sperimentazione clinica è studiato per ridurre quella infiammazione e potrebbe aiutare a trattare i disturbi dell’umore.

L’anticorpo sperimentale è attualmente in una fase II di sperimentazione clinica. Se avrà successo, questa terapia ha il potenziale di offrire una speranza alle persone che soffrono di depressione “resistente alle cure".

Per quelli che non hanno ancora trovato un modo efficace per trattare la loro depressione, questa ricerca ha il potenziale di offrire una nuova speranza.

Immaginare un mondo nel quale possiamo diagnosticare una malattia autoimmune prima che colpisca

Gli scienziati che guardano al futuro si aspettano che la possibilità di controllare il sistema immunitario, per trattare un’ampia gamma di patologie, potrà solo continuare a crescere.

“È affascinante, perché molte persone pensano al sistema immunitario solo come a qualcosa che combatte le malattie infettive, ma ci sono così tante patologie (obesità, malattie cardiovascolari, morbo di Alzheimer e molte altre) che iniziano a dare l’impressione di essere malattie del sistema immunitario”, dice McKinnon. “Il potenziale di crescita in questa area è incredibile."

Ad esempio, solamente da un punto di vista osservazionale, spiega il Dott. Baker, le citochine (quelle sostanze chimiche del sistema immunitario, che sono, insieme a molte altre cose, elevate nelle persone che soffrono di depressione) sembrano colpire il funzionamento delle cellule adipose. Le implicazioni per i progressi nella ricerca sull’obesità sono grandi e sono cose come queste a rendere il futuro dell’immunologia così eccitante.

E mentre le ultime decadi hanno portato ad un’enorme crescita in termini di trattamenti per le persone affette da una malattia autoimmune, c’è ancora molto lavoro da fare. “Stiamo perfezionando i nostri strumenti diagnostici, individuando precocemente le patologie e sviluppando nuove strategie per il trattamento”, dice Dillon.

Tutta questa innovazione punta verso la lotta contro la malattia autoimmune anche prima che si manifesti; in altre parole, apre la strada ad una potenziale cura.

Guarda questo video e scopri di più sulla ricerca Janssen sulle malattie autoimmuni.

Questo articolo, scritto da Barbara Brody, è comparso per la prima volta sul sito www.jnj.com.