Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Skip to main content

Cerca

La scoperta di soluzioni per le malattie infettive

Scoperta

Malattie infettive e vaccini

Infectious Diseases & Vaccines

The structure of HIV
The structure of HIV

Per combattere le malattie infettive mortali, utilizziamo scienza, tecnologia e conoscenze all’avanguardia.

I nostri scienziati si prefiggono di scoprire medicine trasformazionali e candidati ai vaccini rispetto a varie malattie infettive mortali. Molti patogeni sono noti per la loro capacità di mutare e diventare resistenti alla terapia. Pertanto, è di vitale importanza che nuovi farmaci facciano fronte a questa variabilità genetica e all’emergenza della resistenza ai farmaci. A tal fine, sin dall’inizio del processo di scoperta, tracciamo un profilo dei composti di farmaci contro patogeni resistenti clinicamente importanti, una strategia unica per affrontare questo problema.

L’obiettivo del nostro team rivolto alla scoperta è identificare candidati nuovi ed efficaci per sconfiggere varie malattie infettive. Per l’HIV (virus dell'immunodeficienza umana), utilizziamo una piattaforma di scoperta del farmaco unica basata sulle cellule, che consente lo screening di migliaia di composti chimici sia per l’attività contro l’HIV sia per la tossicità cellulare. Le particelle target virali ricombinanti, anch’esse oggetto di analisi, rappresentano un approccio di screening alternativo. Coniugando le competenze nel campo delle piattaforme di screening a elevata produttività, biologia molecolare, genomica funzionale, biochimica e virologia cellulare, è possibile applicare questi test alla scoperta di nuovi farmaci candidati.

Il nostro focus strategico nella profilazione delle varianti resistenti durante il processo di scoperta dei farmaci antivirali è unico.  Data la natura mutevole di numerosi agenti patogeni (come l’HIV, l’epatite C e i micobatteri), è fondamentale che i nuovi farmaci candidati che entrano nella fase di sviluppo clinico abbiano la capacità di superare questa variabilità genetica. Integriamo la farmacogenomica nei primi stadi del processo di scoperta, aumentando la probabilità di successo nella selezione di agenti che mantengano l’attività contro i patogeni, specialmente quelli con la maggiore potenzialità di evitare l’insorgenza di virus resistenti. Abbiamo inoltre sviluppato un’ampia rete di collaborazioni e partnership per la ricerca, accordi sulle licenze con istituti accademici, organizzazioni pubbliche e aziende del settore farmaceutico e delle biotecnologie.

Nell’ambito terapeutico stiamo lavorando su candidati potenzialmente innovativi per epatite B, influenza, infezioni respiratorie e dengue, tra gli altri. Per Janssen, l’acquisizione di Crucell nel 2011 ha rappresentato un solido punto di appoggio nel campo della prevenzione della malattia, che sta assumendo sempre più importanza. L’innovazione è la forza che guida la nostra forte pipeline dei vaccini. Stiamo lavorando su candidati di immunizzazione per combattere malattie come HIV, influenza RSV, papillomavirus umano, polio, Ebola e Marburg, e numerose altre malattie virali e batteriche in cima alla lista per la sicurezza sanitaria globale. Abbiamo a disposizione il supporto di una serie di tecnologie brevettate come la nostra tecnologia per le linee cellulari umane PER.C6® che potrebbe permettere di produrre in modo più rapido e più economico i futuri vaccini e farmaci biologici.