Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Skip to main content

Cerca

Come Janssen e UCSD uniscono le forze per combattere la malattia di Chagas

Come Janssen e UC San Diego uniscono le forze per combattere la malattia di Chagas

La tecnologia ha rimpicciolito il mondo. Smartphone, video conferenze ed e-mail consentono un’ottima collaborazione tra le persone, anche se distano migliaia di chilometri l’una dall’altra.

Tuttavia, una partnership efficace viene consolidata anche dalla vicinanza. Sotto il caldo sole della California del Sud, una passeggiata di 15 minuti aiuta a colmare la distanza tra Big Pharma e Academia, due organizzazioni che stanno collaborando per eliminare la malattia di Chagas che, secondo il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, colpisce più di otto milioni di persone nell’America Centrale, in Messico e nell’America Latina e che si sta diffondendo anche negli Stati Uniti e in altre parti del mondo.

Nel novembre 2015, Johnson & Johnson Salute pubblica globale (GPH) e Janssen R&D Scoperte scientifiche hanno stabilito una collaborazione con il Center for Discovery and Innovation in Parasitic Diseases (CDIPD) presso l’Università della California, San Diego al fine di scoprire nuovi trattamenti per la malattia di Chagas, con l’obiettivo di migliorare i risultati per i pazienti affetti da questa malattia.

La collaborazione integrata, co-guidata da Paul Jackson, Janssen R&D Scoperte scientifiche di La Jolla, California, Steven Silber di J&J GPH, Jair Siqueira-Neto, Professore assistente e Direttore responsabile dello screening presso l’UC San Diego e James McKerrow, Preside della Scuola di farmacia e scienze farmaceutiche presso l’UC San Diego, sfrutta l’esperienza complementare di ciascuna organizzazione.

Nella collaborazione, gli studenti di post-dottorato sponsorizzati da Janssen presso l’UC San Diego collaborano per individuare nuovi target farmacologici, mentre gli scienziati Janssen guidano la scoperta di piccole molecole che possono essere ottimizzate per diventare nuove terapie. Gli studenti di post-dottorato dell’UC San Diego lavorano anche nei laboratori Janssen di La Jolla per integrare ulteriormente questi sforzi. La collaborazione viene facilitata dall’estrema vicinanza tra l’UC San Diego e Janssen: i campus distano solo 15 minuti a piedi.

“Il fatto che i centri siano così vicini ci consente di interagire come un unico team”, dice Jackson. “Possiamo frequentare i meeting di gruppo presso il CDIPD, interagire direttamente e regolarmente con i nostri collaboratori e abbiamo persino iniziato una serie di seminari congiunti dedicati alle NTD.”

La malattia di Chagas è considerata una malattia tropicale negletta (NTD), che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, appartiene ad un gruppo diverso di malattie trasmissibili che predominano nelle condizioni tropicali e subtropicali in 149 paesi e colpiscono più di un miliardo di persone, con una spesa di miliardi di dollari all’anno per le economie in via di sviluppo. Nel 30-40 percento dei casi, la malattia di Chagas può generare complicanze gravi e spesso potenzialmente letali. Inoltre, la malattia di Chagas è diventata una delle cause principali di insufficienza cardiaca in molti paesi.

Nel 2012, Johnson & Johnson ha firmato la Dichiarazione di Londra sulle malattie tropicali neglette, unendo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, altre dodici aziende farmaceutiche, la Bill & Melinda Gates Foundation e i governi statunitense e britannico in una collaborazione che punta ad eliminare o controllare 10 malattie neglette entro il 2020, compresa la malattia di Chagas.

Trovare una cura per la malattia di Chagas di sicuro non è una semplice passeggiata al parco. Tuttavia, camminare e discutere tra i due campus un giorno potrebbe portare ad una svolta per eliminare questa malattia.

Partnership

Partnership

Wendy Olsen, lincs
Wendy Olsen, lincs