Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Skip to main content

Cerca

Vivere i principi della chimica verde

Vivere i principi della chimica verde

La nostra serie sulla chimica verde continua con l’esplorazione di come noi, in Janssen, ci approcciamo e attiviamo questi principi vitali. Fai clic qui per un’introduzione alla chimica verde e consulta questo spazio per funzionalità aggiuntive su come i nostri laboratori e impianti di produzione stanno sfruttando la chimica verde per vantaggi ambientali e aziendali.

Janssen è impegnata a vivere secondo i principi della chimica verde, effettuando scelte intelligenti volte a ridurre al minimo o a eliminare l’impatto ambientale ogniqualvolta ciò sia possibile.

Lo facciamo valutando regolarmente l’impatto ambientale dei nostri prodotti compresi l’energia, i materiali e l'acqua utilizzata durante il ciclo di vita del prodotto, e applicando i 12 principi della chimica ecologica ai nostri processi farmaceutici. Ci concentriamo sulla progettazione e sulla produzione di prodotti e soluzioni più sostenibili per creare un futuro sano incorporando chimica e tecnologie verdi al nostro ciclo di vita del prodotto, dalla progettazione alla produzione, allo smaltimento.

Siamo orgogliosi di preservare l’uso di energia e acqua, di eliminare o ridurre materiali pericolosi, di migliorare e aumentare le fonti sostenibili e rinnovabili, e di limitare gli sprechi, lavorando al contempo per risolvere alcune delle più importanti esigenze mediche non soddisfatte dei nostri tempi.

Sebbene il concetto della chimica verde stia prendendo piede ora, non è nuovo per noi. Oltre due decadi fa, Janssen ha iniziato a rimuovere le sostanze chimiche tossiche dai propri processi. Abbiamo riportato pubblicamente il nostro progresso come parte degli Obiettivi di prevenzione dell’inquinamento 1993-2000 di Johnson & Johnson, dimostrando un progresso significativo nella sostenibilità in aree quali l’energia, l’acqua, l’imballaggio, le sostanze chimiche tossiche, la generazione di rifiuti pericolosi, lo smaltimento di rifiuti solidi, il riciclaggio, e lo smaltimento delle acque di scarico. Come parte di questo progetto, Janssen ha adottato una versione dello strumento Progetto per l’ambiente dell’Agenzia statunitense per la protezione dell’ambiente per contribuire a identificare le sostanze chimiche preoccupanti e sostituirle con sostanze chimiche più ecologiche.

Grazie al nostro Janssen Sustainability Council (Consiglio di sostenibilità Janssen), formato nel 2009, i nostri leader hanno incoraggiato un ulteriore sviluppo e una più profonda integrazione della chimica e delle tecnologie verdi, come parte dei nostri sforzi in materia di sostenibilità, nelle nostre organizzazioni di Ricerca e Sviluppo e Catena di fornitura.

“Abbracciamo la nostra eredità di sostenibilità mediante il Nostro Credo e scegliamo di assumere un ruolo di leadership nel far avanzare la chimica verde.”

Philip Dahlin

Responsabile della sostenibilità presso Janssen

Fin dalla sua nascita nel 2012, abbiamo partecipato al programma europeo CHEM21, una collaborazione tra cinque aziende farmaceutiche europee e 13 partner accademici. È destinato a diventare un polo di ricerca e centro di eccellenza europeo per offrire informazioni e formazione sulle best practice relative alla chimica verde.

Janssen, che rappresenta Johnson & Johnson, è anche un membro fondatore dell’American Chemical Society’s Green Chemistry Institute Pharmaceutical Roundtable (ACS-GCIPR, Tavolo rotondo sulla farmaceutica dell’Istituto per la chimica verde della Società statunitense per la chimica), che intende altresì fornire informazioni e catalizzare la ricerca e l'educazione sulla chimica verde.   

Il nostro impegno per una scienza sostenibile ha radici ancora più lontane: oltre 70 anni fa, infatti, quando il fondatore della Johnson & Johnson, Robert Wood Johnson, ha integrato questi principi nel Nostro Credo, i quali ci ricordano che “dobbiamo rispettare la proprietà che abbiamo il privilegio di utilizzare, proteggendo l’ambiente e le risorse naturali”.

Ricevere un riconoscimento per il nostro lavoro rafforza il valore dei nostri sforzi e, naturalmente, ci fa sentire alla grande. Johnson & Johnson è stata insignita di molte onorificenze internazionali per il suo impegno in materia di sostenibilità, come essere nominata nell’elenco Interbrand/Deloitte dei Migliori 50 marchi verdi ogni anno dal 2011 al 2014.

Janssen ha altresì acquisito riconoscimenti attraverso la certificazione proprietaria EARTHWARDS® di Johnson & Johnson, la quale celebra il pensiero innovativo, le soluzioni più sostenibili e il miglioramento del valore per tutto il ciclo di vita di un prodotto. “Applicando i principi della chimica verde alla formulazione di uno dei nostri prodotti oncologici”, afferma Philip Dahlin, Responsabile della sostenibilità di Janssen, “abbiamo raddoppiato la resa del processo e realizzato riduzioni significative nell’utilizzo di materie prime, acqua, e nella generazione di rifiuti pericolosi”.

In tutto, sette prodotti Janssen hanno finora completato il rigoroso programma EARTHWARDS®. Ognuno ha prodotto dei benefici, quali un aumento dell’uso di energia rinnovabile, riduzioni nell’uso di acqua, materie prime, imballaggi e rifiuti pericolosi, e rese migliorate.

“Abbracciamo la nostra eredità di sostenibilità mediante il Nostro Credo e scegliamo di assumere un ruolo di leadership nel far avanzare la chimica verde”, afferma Phil. “Ma alla fine, la gestione ambientale è la più importante per la nostra attività in quanto un pianeta sano è vitale per tutti noi per godere di una vita felice e sana.”

 

Sostenibilità

Sostenibilità

Pajaros, Julius Caesar Bustamante
Julius Caesar Bustamante, Pajaros