Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Skip to main content

Cerca

Jane Kielt

L’arte di perdersi

Janssen è orgogliosa di ospitare le opere realizzate da persone affette dalle malattie e dalle patologie che ci siamo impegnati a curare e prevenire. Visita la nostra galleria d’arte per scoprire ulteriori informazioni sugli artisti e guardare altre opere.

Con una piccola quantità di colori ad acquerello sulla punta del suo pennello, spesso lavorando su una grande lente d’ingrandimento, a Jane Kielt piace perdersi nei suoi dipinti. Perdersi in se stessa e nei dettagli delle sue pennellate aiuta Jane a concentrare la sua attenzione altrove.

“Se si guardano alcuni dei miei dipinti, il dettaglio maggiore che si nota è un riflesso del periodo difficile che probabilmente stavo attraversando”, afferma Jane. “Avrei voluto solo perdermi nel dipinto e dipingere ogni piccola finestra, ogni piccolo dettaglio che potevo trovare. E ho notato che dopo aver lavorato su un dipinto del genere, mi sentivo meglio”.

Il “periodo difficile” di cui parla Jane è il giorno o la settimana particolarmente difficile che spesso capita quando si vive con il cancro. A Jane è stato diagnosticato un mieloma multiplo nel 2010, solo pochi anni dopo che suo padre, il noto artista grafico Roy Horton, se n’è andato per la stessa malattia. È stato grazie a suo padre che Jane ha maturato il suo amore per l'arte.

Jane è nata nel Bronx, a New York, ed è cresciuta nel New Jersey settentrionale. Dopo la scuola superiore, ha frequentato l’Università del Maryland, a College Park, per studiare arte. “Ho sempre voluto diventare un’insegnante”, afferma. “Quindi, sono diventata un’insegnante di educazione artistica”.

Durante il college, ha incontrato colui che sarebbe poi diventato suo marito, Larry. Si sono spostati nel 1977. Dopo che Larry è entrato nella United States Air Force, si sono spostati un bel po’ prima di stabilirsi nella tranquilla comunità suburbana di Mount Laurel, nel New Jersey, con la loro figlia, Cecelia, e il loro figlio, Andrew. Nonostante tutti gli spostamenti e l'aver costruito una propria famiglia, Jane ha continuato a insegnare, per 26 anni in tutto.

“Ho insegnato agli studenti con esigenze speciali per un periodo, poi negli asili fino alla seconda elementare”, afferma Jane con il caldo sorriso che la contraddistingue, specialmente quando parla dell’insegnamento. “Adoro insegnare ai bambini piccoli. Mi piace la loro spontaneità, la loro creatività. Sono così disinibiti”.

Jane si è ritirata formalmente dall’insegnamento nel 2008, ma continua a insegnare pittura agli adulti presso un negozio di ceramica locale non lontano da casa. È stato nel 2010, quando si è svegliata con un dolore alla schiena apparentemente innocuo, che la sua vita è cambiata. Dopo una serie di esami, le è stato diagnosticato un mieloma multiplo. I legami della famiglia Kielt sono molto forti ma la diagnosi di Jane, così presto dopo la perdita del padre, li ha scossi.

“La cosa più difficile è stato dirlo ai miei figli”, afferma Jane. “Sono cresciuti, ma è stata comunque la cosa più difficile dover comunicare loro la mia diagnosi”.

Dalla diagnosi iniziale, Jane si è sottoposta a molti trattamenti, alcuni dei quali l’hanno aiutata, altri no. Si è anche sottoposta a interventi chirurgici per riparare le vertebre e due trapianti in tandem di cellule staminali autologhe. Ha avuto una recidiva nel 2012 e continua il trattamento chemioterapico.

Jane ha scoperto la Multiple Myeloma Research Foundation (MMRF, Fondazione di ricerca sul mieloma multiplo) ed è stata attiva in tale comunità. È stata un’accanita sostenitrice della Camminata/Corsa di 5 km della MMRF a Philadelphia, in Pennsylvania, con la sua squadra “Villaggio di Jane”, che ha visto crescere partecipanti e contributi ogni anno. Nel 2015, il Villaggio di Jane ha visto 105 sostenitori partecipare alla camminata e raccogliere oltre 12.000 dollari. Le è stato conferito lo Spirit of Hope Award di MMRF, dato in occasione di ogni Camminata/Corsa di 5 km della MMRF a una persona che ispira speranza e mostra un impegno straordinario nei confronti di MMRF.

Nonostante la sua diagnosi e gli intensi regimi di trattamento, Jane continua a rimanere il più attiva possibile: correndo in bicicletta, nuotando, camminando nel parco, cucinando, insegnando, viaggiando, dipingendo su commissione, esibendo i propri dipinti in gallerie, creando. Jane Kielt è inarrestabile.

“È incredibile come ha gestito l’intera situazione”, afferma suo figlio, Andrew. “Lei è così positiva su tutto. Non si lamenta mai, non chiede mai “Perché a me?” Prende solo quello che viene”.

La confortevole casa della famiglia Kielt è simile a una galleria d’arte, con dipinti e sculture ovunque. Al piano terra, nello studio d’arte di Jane che gode di luce naturale, è affisso un cartello che dice, “Il mio cancro non definisce chi sono; è come vivo e combatto il cancro che lo fa”.

“Attraverso la mia arte, sento di portare l'attenzione su cose che le persone non notano nella nostra frenetica vita di tutti i giorni, cose che semplicemente trascuriamo”, afferma Jane. “Quando hai il cancro o una malattia del genere, ti fermi e osservi le cose in modo diverso. E questo è ciò che vorrei vedessero anche le altre persone”.

Per vedere altre opere di Jane, visita il suo sito web.

Guarda il video qui di seguito per scoprire ulteriori informazioni su Jane e su come la sua arte la aiuta ad affrontare il suo mieloma multiplo.

The Art Of Getting Lost
Jane Kielt, Mystic Seaport