Skip to main content

CERCA

Il Credo Johnson & Johnson

Credo
Paul Janssen, fondatore di Janssen Pharmaceutica

Un sistema di valori fortemente condivisi, che da più di 60 anni guida le azioni e le decisioni di tutti coloro che fanno parte della famiglia Johnson & Johnson. Questo è il nostro CREDO, scritto nel 1943 da Robert Wood Johnson jr, il quale intuisce già allora e con gran lungimiranza, che l'industria non può astenersi dal considerare il problema dell'impatto della sua attività sull'ambiente né ignorare la funzione sociale che è essa chiamata a svolgere nelle comunità in cui opera.

 

Il nostro Credo

Noi crediamo che la nostra prima responsabilità sia verso i medici, le infermiere, i pazienti, le madri, i padri e tutti coloro che usano i nostri prodotti e servizi. Per soddisfare le loro necessità, tutto ciò che noi facciamo deve essere di alta qualità.

Dobbiamo costantemente impegnarci a ridurre i costi per mantenere prezzi ragionevoli. Gli ordini dei clienti devono essere evasi con tempestività e accuratezza. I nostri fornitori e distributori devono avere l'opportunità di fare giusti guadagni.

Siamo responsabili verso i nostri dipendenti, uomini e donne che lavorano con noi in tutto il mondo. Ognuno deve essere considerato come individuo.

Dobbiamo rispettare la loro dignità, riconoscere i loro meriti, dare loro la sicurezza del posto di lavoro. I compensi devono essere giusti ed adeguati e l'ambiente di lavoro deve essere pulito, in ordine e sicuro. Dobbiamo preoccuparci di aiutare i nostri dipendenti ad assolvere le loro responsabilità familiari.

I dipendenti devono sentirsi liberi di dare suggerimenti e fare le proprie rimostranze. Deve esserci per tutti uguale opportunità di impiego, sviluppo e possibilità di carriera. Dobbiamo garantire un management competente, corretto ed etico.

Siamo responsabili verso le comunità nelle quali viviamo e lavoriamo e verso la comunità mondiale.

Dobbiamo essere buoni cittadini, sostenere le attività sociali e pagare le tasse dovute. Dobbiamo incoraggiare lo sviluppo civico e una migliore educazione sanitaria.

Dobbiamo tenere in ordine la proprietà che abbiamo il privilegio di usare, proteggendo l'ambiente e le risorse naturali.

La nostra responsabilità finale è verso i nostri azionisti.

Gli affari devono produrre un profitto ragionevole. Dobbiamo sperimentare nuove idee, sostenere la ricerca, sviluppare programmi innovativi e pagare per gli eventuali errori. Acquistare nuove attrezzature, costruire nuove fabbriche, lanciare nuovi prodotti e creare riserve per sostenere i tempi avversi.

Se agiremo in accordo con questi principi, gli azionisti potranno realizzare un giusto profitto.

 

Data ultimo aggiornamento: marzo 2016