Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Skip to main content
 

Cerca

Collaborare per sconfiggere il mieloma multiplo

Collaborare per sconfiggere il mieloma multiplo
Febbraio 19, 2019

Una visione molecolare della terapia CAR-T al lavoro.

Sembra che i primi dati siano stati fin troppo buoni per essere veri.

Ecco cosa stava pensando il Dott. Sen Zhuang, M.D., Ph.D., Vicepresidente, Ricerca clinica oncologica, Janssen Research & Development, durante un congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) nell’estate 2018.

Un’emergente azienda cinese di biotecnologie chiamata Legend Biotech stava presentando i risultati finali della sua terapia sperimentale con cellule T con recettore chimerico di antigene (CAR-T), un tipo di trattamento che sfrutta i globuli bianchi di un paziente per colpire e uccidere una forma specifica di cancro, il mieloma multiplo, una malattia che Johnson & Johnson è impegnata a sconfiggere.

Dott. Sen Zhuang, Vicepresidente, Ricerca clinica oncologica

Quindici anni fa, i medici avevano a disposizione poche opzioni oltre a chemioterapia e radioterapia per gestire questa malattia e, di solito, i pazienti avevano un’aspettativa di vita di soli due o tre anni dopo la diagnosi. Ma, grazie a nuove opzioni di trattamento, le aspettative di vita sono cresciute: Oltre il 50% delle persone a cui oggi è stato diagnosticato il mieloma multiplo hanno un’aspettativa di vita superiore a sette anni.

Janssen è leader nel progresso della ricerca sul mieloma multiplo. Oggi ha avviato una partnership con Legend Biotech, attraverso collaborazioni e accordi di licenza a livello mondiale, per sviluppare e commercializzare insieme una terapia CAR-T basata sull’innovativa terapia cellulare della Legend Biotech. “Questa collaborazione è un significativo passo avanti per poter potenzialmente fornire [un nuovo trattamento] ai pazienti in tutto il mondo”, ha affermato Yuan Xu, CEO di Legend Biotech.

Questo articolo è comparso per la prima volta sul sito www.jnj.com. Per leggere il resto dell’intervista con il Dott. Zhuang, fai clic qui.

Oncologia

Oncologia

Human lung bronchioalveolar carcinoma cell